mercoledì 10 aprile 2013

Donaci la tua sapienza, Signore

Questa sera il Signore Gesù entra nei nostri cuori in veste di Risorto e come fece con gli apostoli nel Cenacolo, ci dona la Sua pace e ci esorta a non essere come Tommaso increduli, ma credenti!
Vogliamo quindi accogliere la pace di Gesù essendo Lui stesso la pace e con l'atteggiamento di credenti ci mettiamo alla Sua presenza e Gli spalanchiamo le porte del Cenacolo del nostro cuore permettendoGli così di entrare per donarci la veste della risurrezione.
Con il canto "Io ti accolgo" diciamo al Signore "Io ti accolgo nel mio cuore o Signor".
Questo significa che accogliendo Gesù, accogliamo la Sua volontà nella nostra vita, accogliamo le fatiche e le pene di ogni giorno, accogliamo le gioie, ma anche i dolori che la vita ci riserve ... Vieni nel mio cuore Signore Gesù ... Lodiamo, ringraziamo e benediciamo Gesù che entra anche a porte chiuse nel nostro cuore perchè magari ferito, deluso, amareggiato, preoccupato, ammalato e innalziamo la nostra preghiera a Colui che ora è qui in mezzo a noi. Apri i nostri occhi, vogliamo vedere il Tuo volto Signore, guida i nostri passi con la Tua luce perchè vogliamo seguirti per annunciare il Tuo amore.
Il Signore ci risponde per mezzo della Sua parola, 2 Cronache 1, 7-13:
 
"In quella notte Dio apparve a Salomone e gli disse: "Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda". 
Salomone disse a Dio: "Tu hai trattato mio padre Davide con grande benevolenza e mi hai fatto regnare al suo posto. Ora, Signore Dio, si avveri la tua parola a Davide mio padre, perché mi hai costituito re su un popolo numeroso come la polvere della terra. Ora
concedimi scienza e che io possa guidare questo popolo; perché chi potrebbe mai governare questo tuo grande popolo?". 
Dio disse a Salomone: "Poiché ti sta a cuore una cosa simile e poiché non hai domandato né ricchezze, né beni, né gloria, né la vita dei tuoi nemici e neppure una lunga vita, ma hai domandato piuttosto saggezza e scienza per governare il mio popolo, su cui ti ho costituito re, saggezza e scienza ti saranno concesse. Inoltre io ti darò ricchezze, beni e gloria, quali non ebbero mai i re tuoi predecessori e non avranno mai i tuoi successori". 
Salomone poi dall'altura, che si trovava in Gàbaon, tornò a Gerusalemme, lontano dalla tenda del convegno, e regnò su Israele".

E ancora Salmo 23 Il buon pastore.

Anche noi come Salomone vogliamo chiedere al Signore di donarci uno Spirito di Sapienza che è colei che ci aiuta a distinguere ciò che è bene da ciò che è male per poter rimanere sempre con il Lui. Vieni Spirito di Sapienza, vieni Spirito di Scienza, vieni Spirito di Saggezza scendi su di noi ...

Il Signore ci invita ad accogliere la Sua parola perchè è un buon segno. Ha posto in ciascuno un seme nel cuore che va fatto crescere e custodito con la Sua grazia, ma tutto questo dipende da noi. Se faremo ciò che Lui dice, diverremo santi.

Grazie Signore Gesù perchè Tu ci vuoi donare tutto. Insegnaci ad essere come Salomone che ti chiese il dono più importante che è la Sapienza, quale Tu sei e ad essere desiderosi sempre nel chiederTi le cose che ci portano direttamente a Te! Lode e gloria a Te!

 

Nessun commento:

Posta un commento